Il giardino
giardino-oleandri_w300.jpg

Statua di Cesare Augusto 

Nato come giardino all'italiana, ha otto statue del XVII° secolo allora al centro di grandi aiole delimitate dal bosso, in onore di Augusto e di esponenti della Famiglia San Bonifacio.

I viali di accesso a Sud e a Ovest sono segnati da grandi pilastri e cancelli in ferro battuto, sormontati  dallo stemma e dalle statue di Minerva e Marte.

Nel tempo ha subito variazioni fino a diventare nel 1810 un giardino con prato bordato dalla convallaria.

Dopo un intervento agli inizi del secolo scorso del giardiniere Sgaravatti nella parte Sud, il Giardino ritorna a prato verde, con le rose a Est e a Nord e gli oleandri lungo le mura di recinzione. 

Ai lati del cortile, in due giardini chiusi fino al 1800, fioriscono i lillà, le ortensie e le peonie.

Le rose sono oltre 300, in prevalenza da collezione, ma anche moderne.

Lungo i viali le Rampicanti e altre dedicate ai Castelli e ai Giardini francesi. Un gruppo di Galliche ricorda le rose della Malmaison, importate da Giuseppina Beauharnais e dipinte da Redouté.

Un gruppo è dedicato a Shakespeare, Romeo & Juliet, altre a musicisti, pittori, poeti e  scrittori. Il Rinascimento è rappresentato dalle rose Leonardo, Michelangelo, Botticelli, Palladio. La più bella è la Variegata di Bologna, la più bianca Ilaria Alpi, la più rossa Heatcliff, la più generosa Mozart, la più resistente Penelope, la più profumata Baronne Prévost, la più spettacolare Banksia alba.

Grassa-ceresio-monticolo_w200.jpg

Grassa moglie di Ceresio Monticolo